Il bonus Stradivari (approfondimenti)

Home / News / Il bonus Stradivari (approfondimenti)

Bonus Stradivari 2017: è arrivato il momento di prenotare il tuo strumento.

Il Parlamento ha approvato anche per quest’anno un’agevolazione per l’acquisto di strumenti musicali con uno sconto al momento dell’acquisto.

Il Bonus è destinato a studenti iscritti

  • ai licei musicali
  • ai corsi para accademici
  • ai corsi di diploma di I e II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica

Sono esclusi gli studenti di direzione d’orchestra e composizione e chi ha usufruito del Bonus nello scorso anno.

Quanto risparmi?

Se richiedi il Bonus ottieni uno sconto del 65% per l’acquisto di uno strumento musicale, fino a un massimo di 2500 euro.

Il Bonus non può essere utilizzato per l’acquisto di accessori musicali, ma se studi musica elettronica, puoi usufruirne per l’acquisto di software musicali.

Come fare per richiedere il Bonus Stradivari

Chiedi al tuo Istituto un certificato che indichi lo strumento coerente al tuo corso di studio e consegnalo in negozio al momento dell’acquisto. Ti verrà scontato l’importo del Bonus. Tutto qui. Molto semplice, vero?

A giorni verrà emanato il Decreto Attuativo necessario per applicare lo sconto, ma nel frattempo puoi passare in negozio per prenotare il tuo strumento. Noi ti aspettiamo!

Ci trovi qui:

Via Buoso da Dovara 6F. 26100 Cremona

info@scaramuzza.com

Telefono: +39 0372 434878

Aprofondimenti:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Documentazione/Archivio/ArchivioSchedeAdempimento/Schede+adempimento+2016/Richiedere+2016/Bonus+strumenti+musicali/Informazioni+generali+bonus+strum+music/

Come funziona il Bonus Stradivari? Ecco un approfondimento

L’art. 1, comma 626, Legge 11 dicembre 2016, n. 232, “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019” cita:
“(omissis). Per l’anno 2017, nel limite complessivo di 15 milioni di euro, secondo i criteri e le modalità di cui all’articolo 1, comma 984, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, agli studenti iscritti ai licei musicali e agli studenti iscritti ai corsi preaccademici, ai corsi del precedente ordinamento e ai corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica ai sensi dell’articolo 11 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 212, e’ concesso un contributo una tantum pari al 65 per cento del prezzo finale, per un massimo di euro 2.500, per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi. Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono definiti le modalità attuative, comprese le modalità per usufruire del credito d’imposta, il regime dei controlli nonché ogni altra disposizione necessaria per il monitoraggio dell’agevolazione e per il rispetto del limite di spesa previsto.”

Quali studenti possono usufruire del Bonus Stradivari?

  • Il contributo 2017 spetta (fino a esaurimento fondi):
  • Agli studenti di tutti i corsi dei conservatori di musica: Preaccademici (o Propedeutici), Triennio, Biennio e Precedente Ordinamento
  • Agli studenti di tutti i corsi degli istituti musicali pareggiati (ISSM): Preaccademici (o Propedeutici), Triennio, Biennio e Precedente Ordinamento ai corsi di strumento secondo il precedente ordinamento e ai corsi di laurea di primo livello secondo il nuovo ordinamento
  • Agli studenti di tutti i corsi accademici degli Enti che rilasciano titoli di Alta formazione artistica e musicale (NB. Sono esclusi gli studenti dei corsi preaccademici in quanto non riconosciuti dal MIUR)
  • Questi studenti, per beneficiare del Bonus devono essere iscritti e frequentare l’aa o as 2016-2017 e 2017-2018 ed essere in regola con il pagamento delle tasse
  • NB: Per gli studenti che si iscriveranno al primo anno del liceo musicale o al conservatorio nell’a.s. 2017-2018, il bonus sarà disponibile solo all’inizio della scuola (settembre 2017)
  • Gli studenti che hanno beneficiato del Bonus 2016, possono usufruirne perl’acquisto di un nuovo strumento, ma l’importo del contributo è ridotto del contributo già fruito nel 2016 (65% del prezzo –1.000 euro)!

Quali conservatori ed istituti rientrano nel Bonus Stradivari?

Qui trovi l’elenco completo

Quali corsi delle istituzioni autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica rientrano nel Bonus Stradivari?

Qui trovi l’elenco completo

Quale strumento è possibile acquistare con il Bonus Stradivari?

  • Il contributo è concesso per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo e coerente con il corso principale o complementare cui è iscritto lo studente.
  • È consentito l’acquisto di strumenti affini (es. flicorno per chi è iscritto a tromba) se conforme agli obiettivi disciplinari o del POF e, nel caso, va indicato sul certificato rilasciato dal Conservatorio/ISSM./liceo
  • Nell’ipotesi di strumenti compositi (archi, percussioni) è possibile fruire del contributo anche per l’acquisto di singole componenti.
  • Non è consentito l’acquisto di accessori (compresi pedaliere, sgabelli, astucci, ecc.) e corde.
  • Il contributo del 65% sul prezzo (iva compresa) fino a un massimo di euro 2.500 spetta per gli acquisti effettuati a partire dal 20 aprile 2017, una sola volta, anche in caso di acquisto di una singola componente dello strumento
  • Euro 2.500 è il limite massimo del contributo, non il prezzo dello strumento; ovvero, se lo strumento costa euro 5.000, il contributo sarà di euro 2.500.
  • Per chi avesse già usufruito del Bonus 2016, il contributo è ridotto della somma già utilizzata.

Ecco l’elenco dei corsi di studi ed i relativi strumenti acquistabili

*Oltre agli strumenti indicati devono ritenersi coerenti con il corso di studio, anche gli strumenti considerati “affini”, in base alle dichiarazioni di conformità con gli obiettivi disciplinari dei corsi di studio rilasciate dalle istituzioni di appartenenza.

Oltre agli strumenti indicati in tabella, è possibile acquistare anche, in alternativa, lo strumento complementare di studio. NB: non si possono acquistare entrambi gli strumenti (principale e complementare).

Cosa deve fare il Conservatorio/Liceo?

Il Conservatorio/Liceo è tenuto a rilasciare agli aventi diritto un certificato di iscrizione conforme a quanto previsto dal decreto dell’Agenzia delle entrate, ovvero deve essere un certificato in duplice copia non ripetibile (una conservata dall’ente e una consegnata allo studente), da cui risulti:

  • Finalità per cui è rilasciato: “utilizzo del bonus ex Art. 1, comma 626, Legge 11 dicembre 2016, n. 232, “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”
  • Cognome e nome dello studente
  • Codice fiscale dello studente
  • Corso in cui è iscritto
  • Anno di frequenza
  • Strumento musicale coerente con il corso di studi (indicazione obbligatoria)

Il certificato, si configura come certificato per agevolazione fiscale, non come certificato di frequenza, quindi è rilasciato in carta libera (non bollo).
Per gli studenti dei corsi preaccademici affidati ad enti terzi in convenzione da Conservatori o ISMM, il certificato deve essere rilasciato dallo stesso Conservatorio o ISSM (non dall’ente convenzionato).

Cosa deve fare lo studente?

  • Il contributo è erogato sotto forma di sconto sul prezzo di vendita praticato dal produttore/rivenditore
  • Per accedere al contributo, lo studente richiede al conservatorio o all’istituto musicale pareggiato, che è tenuto al relativo rilascio, un certificato d’iscrizione, in unica copia non ripetibile, da cui risulti finalità, cognome e nome, codice fiscale, corso, anno di frequenza, indicazione dello strumento musicale coerente con il corso di studi.
  • Il certificato attesta la sussistenza dei requisiti per fruire del contributo, indica lo strumento agevolabile, e va consegnato al produttore o al rivenditore al momento dell’acquisto.
  • Lo studente deve conservare, a fini di eventuali controlli, la fattura o lo scontrino fiscale rilasciato dal rivenditore o dal produttore
  • Chi non ha diritto al bonus?
  • Le sezioni coreutiche dei licei musicali e coreutici
  • Le scuole medie a indirizzo musicale (SMIM)
  • Le scuole di musica che si chiamano liceo, ma non sono scuole secondarie superiori (veri e propri licei)

FAQ

Il mio istituto non rientra nell’elenco, posso comunque usufruire del bonus?

Per l’anno 2017 purtroppo il bonus è riservato solo ai conservatori ed istituti indicati nell’elenco sopra.

Sono iscritto ad un conservatorio tra quelli destinatari del bonus ma il mio corso di studi non è elencato, posso usufruire del bonus?

Per il 2017 purtroppo no, possono usufruire del Bonus Stradivari solo gli studenti dei corsi di studi indicati nell’elenco.

Al posto del certificato di iscrizione posso inviarvi un’autocertificazione?

Purtroppo no, l’autocertificazione non è valida.

Sul certificato di iscrizione deve essere specificato lo strumento?

Lo strumento o le componenti (per gli strumenti compositi) acquistabili con il bonus devono essere riportate chiaramente nel certificato rilasciato dal conservatorio alla voce “strumento”. Quello che vale e ciò che è scritto dal Conservatorio sul certificato (non occorre indicare marca e modello ma la tipologia esatta dello strumento, ad es. sintetizzatore o . Se le segreteria del conservatorio non lo vuole indicare, ti invitiamo a rivolgerti direttamente al direttore.

Il riferimento ad uno strumento affine al soggetto del corso di laurea significa che un iscritto a Chitarra Jazz potrebbe utilizzare il bonus per un amplificatore? 

Per affine si intende sempre uno strumento musicale ad esempio, ottavino per chi fa flauto, flicorno per chi fa tromba, ecc. L’amplificatore è un accessorio, non uno strumento musicale, quindi non rientra nel bonus. N.B. Nel caso lo strumento affine va indicato sul certificato rilasciato dal conservatorio/ISSM.

E’ possibile acquistare anche solo un singolo o più componenti dello strumento?

Sì è possibile ad esempio acquistare solo i piatti per una batteria, l’archetto per un violino, etc. purchè acquistati in un’unica volta. NON è possibile acquistare accessori, ad esempio un supporto o una custodia.

Devo pagare a parte l’IVA?

Il bonus + sul prezzo finale ed è quindi comprensivo di IVA che NON va pagata assolutamente a parte.

È possibile esercitare il diritto di recesso su un acquisto fatto usufruendo del bonus?

Sì è possibile come per un qualsiasi acquisto su StrumentiMusicali.net e come descritto alla pagina “diritto di recesso“.

Posso avere qualche esempio per capire quanto pagherò il mio strumento nuovo usufruendo del bonus 2017?

Esempio 1: per un Contrabbasso in vendita a € 1.900,00 il bonus del 65% sarà di € 1235,00 quindi dovrai pagare solo la differenza € 1.900 – € 1.235 ovvero € 665

Esempio 2: per una Chitarra classica da € 900,00 il bonus del 65% sarà di € 585,00 quindi dovrai pagare solo la differenza € 900 – € 585 ovvero € 315

Ho già usufruito del bonus da € 1000 del 2016, posso usufruire anche del nuovo Bonus Stradivari 2017? 

Gli studenti che hanno beneficiato del Bonus 2016, possono usufruire anche del bonus 2017 perl’acquisto di un nuovo strumento, ma l’importo del contributo è ridotto del contributo già fruito nel 2016 (65% del prezzo -1.000 euro)! Esempio: si vuole acquistare uno strumento da € 2.000, il 65% = € 1.300, se il valore utilizzato del bonus 2016 = € 1.000 allora il bonus 2017 disponibile sarà = € 300 (€ 1.300 – € 1.000).

Related Posts
Bonus Stradivari 2017: non lasciarti scappare questa opportunitàcremona-musica-e-arte